Vai al contenuto

A show called EPL

‘The Silicon Valley of turf’: how the UK’s pursuit of the perfect pitch changed football

 

Come per la maggior parte delle storie sul calcio moderno, l’ascesa dell’élite turfcare è una storia di soldi e televisione. Negli anni ’90, quando le entrate televisive si riversavano nella nuova Premier League, i club iniziarono a spendere di più per le commissioni di trasferimento e gli stipendi dei giocatori. Più preziosi diventavano i giocatori, più era essenziale proteggerli dagli infortuni. Un modo per ridurre gli infortuni è garantire una superficie di gioco di alta qualità. E così i giardinieri, a lungo trascurati, acquisirono una nuova importanza. “Improvvisamente, i giardinieri erano molto più sotto pressione”, ha detto Scott Brooks, head groundman del Nice, che in precedenza ha lavorato all’Arsenal e al Tottenham.

Più che proteggere i giocatori, c’erano i telespettatori a cui pensare. Se la Premier League voleva commercializzarsi come un elegante marchio globale, aveva bisogno di un prodotto che avesse un bell’aspetto in televisione. Piazzole fangose, irregolari e irregolari non andrebbero bene. Le emittenti hanno iniziato a chiedere “campi simili a tavoli da biliardo”, ha detto Calderwood. Secondo Geoff Webb, CEO della Grounds Management Association, che rappresenta i giardinieri britannici, alcune emittenti hanno persino stipulato contratti che le piazzole devono essere in ottime condizioni.

Con il miglioramento dei campi, il gioco stesso ha iniziato ad evolversi. “Da dove eravamo con il campo dell’Old Trafford a come è diventato giorno e notte” , mi ha detto via e-mail Sir Alex Ferguson, che ha allenato il Manchester United dal 1986 al 2013. “Sapere di avere una superficie costante e di alta qualità, in particolare quando devi muovere la palla a ritmo, fa un’enorme differenza”.

Premier, spettatori record in UK e nel resto del mondo

Ascolti Premier League 2018 2019 – L’emozionante corsa al titolo in Premier League ha contribuito agli ascolti record fatti registrare dal massimo campionato inglese in tutto il mondo, durante la stagione 2018/2019. Solamente in UK, gli ascolti di Sky Sports sono cresciuti del 12% rispetto alla stagione precedente.

Per ben 16 volte Sky ha raggiunto la soglia di due milioni di spettatori, più di quanto fatto nelle due precedenti stagioni messe assieme. Inoltre, Sky ha fatto anche registrare il suo dato più alto per quanto riguarda il pubblico medio in diretta negli ultimi quattro anni e ha fatto segnare il maggior numero di spettatori nella singola partita negli ultimi sette anni, quando il Manchester City ha ospitato il Liverpool.

Anche per BT Sport è stata la miglior stagione di Premier League. L’emittente ha fatto registrare il suo miglior risultato in termini di pubblico in diretta per una partita di Premier League, quando 1,7 milioni di telespettatori hanno visto la sfida tra Liverpool e Arsenal. In totale, circa il 70% della popolazione del Regno Unito ha guardato la Premier League in questa stagione, tramite Sky, BT o la BBC.

«Indubbiamente, la lotta sul campo ha contribuito ad aumentare il nostro pubblico dal vivo nel Regno Unito attraverso Sky Sport e BT Sport e crediamo anche che i risultati positivi per il calcio inglese nella Coppa del Mondo FIFA della scorsa estate abbiano fatto la loro parte», ha detto Richard Masters, CEO ad interim della Premier League.

Passando al resto del mondo, negli Stati Uniti e in Cina, le cifre relative alla Premier League sono aumentate rispetto al 2017/2018. Gli ascolti medi della Premier League su NBC Sports sono cresciuti del 2%, mentre il pubblico digital è stato il più alto di sempre in Europa. La copertura simultanea della NBC di tutte e 10 le partite dell’ultimo turno ha attirato più di 2,2 milioni di telespettatori, un aumento del 19% rispetto alla stagione precedente. In Cina, invece, il pubblico per la Premier League è cresciuto del 6%.

Altri paesi, infine hanno raggiunto risultati record per la singola partita. Manchester City-Liverpool ha ottenuto risultati senza precedenti in Olanda, Canada e Danimarca. In India, il miglior pubblico di sempre è stato calcolato per la sfida tra Liverpool e Manchester United, mentre i norvegesi si sono sintonizzati per vedere la prima partita casalinga del connazionale Ole Gunnar Solskjaer come allenatore dello United, contro l’Huddersfield Town, con numeri record. Tottenham-Wolverhampton ha attirato un pubblico numeroso in Corea del Sud, mentre in Brasile, Chelsea-Manchester City ha fatto segnare un numero record di fan.

Diritti tv: la Premier League vale 1,9 miliardi a stagione

Quanto costano i diritti tv

Il grafico in alto mostra il valore dei diritti che nel tv pagano nei massimi campionati di InghilterraItalia, Germania e Francia.  La Premier League è la lega che genera i più alti guadagni da diritti televisivi tra i cinque principali campionati europei. I diritti di trasmettere le partite sono stati venduti per un totale di 4.995 miliardi di sterline per il triennio 2019-2022, tra cui 4.725 miliardi di sterline venduti a Sky Sports e Bt Group e 270 milioni di sterline venduti ad Amazon. La rivalità tra Sky e Bt negli ultimi anni ha portato a una crescita del 70% nelle ultime due aste, quella del 2013-2016 (1,78 miliardi di sterline) e del 2016-2019 (5,13 miliardi di sterline). Abbiamo così 5.786 miliardi di euro per il triennio: 1,9 miliardi a stagione.

I diritti tv della Serie A e degli altri campionati europei

Segue il campionato di Serie A con 1,4 miliardi di euro a stagione (4,2 miliardi tra il 2019-2022), che viene trasmessa da due emittenti differenti: sono Sky Sport e Dazn. Il terzo campionato è la Bundesliga dove le squadre, per la stagione 2018/19, hanno messo in cassa 1,08 miliardi e nella stagione 2020/2021 sono diventati 1,4 miliardi di euro. La particolarità del contratto tedesco tra aziende televisive e società di calcio è che qui è quadriennale.

I diritti di trasmettere le partite di Ligue 1 sono stati venduti per 4,688 miliardi di euro per il quadriennio 2020-2024 a Mediapro in Francia e 4.152 miliardi di euro (1,360 miliardi a stagione) a Bein Sports a Monaco. Questa è stata la prima volta che la vendita dei diritti televisivi del campionato francese ha sorpassato 1 miliardo di euro a stagione, mentre per il quadriennio precedente aveva portato 762 milioni di euro a stagione.

In Spagna, infine, i diritti di trasmettere le partite della Liga sono stati venduti a 2 emittenti televisive diverse, Telefonica e Mediapro, per un totale di 3,42 miliardi di euro per il triennio 2019-2022 (1,140 miliardo/anno). È stato un aumento del 15% rispetto alla vendita precedente che mostra la crescita del campionato spagnolo.

I dati si riferiscono al 2020

Fonte: Lega Serie A, Dfl, Premieri League, Ligue 1

FOOTBALL FOUNDATION SI IMPEGNA A CONTINUARE LA TRASFORMAZIONE DELLE STRUTTURE CALCISTICHE DI BASE MENTRE RAGGIUNGE L’ANNIVERSARIO DELLA PIETRA MILIARE

 

La Premier League, la FA e la Football Foundation del governo celebrano 21 anni di trasformazione delle vite attraverso il potere del calcio, avendo finanziato oltre 20.400 sovvenzioni per strutture calcistiche di base in tutto il paese. La Fondazione inizierà a lavorare per fornire piani su misura per ogni comunità in Inghilterra per dare al paese l’infrastruttura di base che merita.

#Comunicato stampa

Questo mese, la Football Foundation celebra 21 anni di fornitura di strutture che hanno sbloccato il potere dei campi, contribuendo a trasformare vite e comunità in tutta l’Inghilterra. Dalla sua creazione da parte della Premier League, della FA e del Dipartimento governativo per il digitale, la cultura, i media e lo sport, la Fondazione e i suoi partner hanno sbloccato investimenti per 1,8 miliardi di sterline per migliorare le strutture calcistiche locali in tutta l’Inghilterra. Ha erogato oltre 20.400 sovvenzioni per migliorare le strutture, inclusi 958 campi in erba artificiale, 8.726 campi in erba naturale e 1.223 spogliatoi, tutti accessibili e accoglienti per tutti. 

Intero articolo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »