Vai al contenuto

G Stories

HG Gianni Casini

Storia di un groundsman italiano che è andato all’estero, per trovare lo spazio necessario per esprimere la sua voglia di migliorare le sue capacità e passione verso il verde tecnico, spazio tappato in Italia e così insieme alla sua famiglia ha superato sfide, togliendosi allo stesso tempo molte soddisfazioni, frequentando seminari all’ATP di Stoccarda, gregario della manutenzione dei campi di Wimbledon e poi finalmente una base calcistica di calcio all’Allianze Riviera a Nice, cui c’è stato per più di 6 anni come Head groundsman, avendo avuto l’opportunità di essere supervisore di FIFA 2019 del mondiale di calcio femminile al Mr. Alan Ferguson (supervisore groundsman FIFA). Oggi è ritornato in Italia, condividendo le sue esperienze estere con azienda leader nel settore verde orizzontale.

FIFA HG Alan Ferguson

L’uomo responsabile dei campi di St George’s Park e Wembley ed ora responsabile capo della FIFA, Alan Ferguson, risponde alle nostre domande sul mantenimento delle porte da calcio e offre consigli a tutti i giocatori di calcio in tutto il paese.

Dei diritti TV e la Football Fondation

Ci vogliono delle azioni forti e decise per tenere al meglio le strutture sportive, e una migliore ripartizione degli utili, perché tale politica renderebbe migliore un settore quello sportivo, che ha avuto delle ripercussioni devastanti, con l’avvento del corona virus, ma che anche prima dava segnali di debolezza. Specie nel comparto dilettantistico, dove nascono i nostri giocatori e da cui non si riescono a trovare fondi per dare loro un supporto economico. Tale virus ci insegna che ogni settore, merceologico, ambientale ed industriale oltre che di servizi, dovrebbe farci comportare negli anni a venire, come le formiche che nei periodi buoni raccolgono e conservano, come ha fatto la FF, per dare ora agli amateur ciò che hanno bisogno. SUPPORTO

The GMA

L’associazione prima in UK di di formazione, professione, marketing, groundsman, che gestisce la fiera Saltex a Birmingham ogni anno ad inizio novembre, ha già raggiunto la 75° edizione, la quale mette in relazione le aziende, i groundsman e i clubs in un cerchio dove tutti hanno bisogno di tutti.

The Guardian for groundsman

Come è cambiato il mondo dei groundsman da quando sono entrati gli arabi nei football clubs più prestigiosi d’Europa, dove. Il solo settore inglese della gestione dei terreni ha un valore di oltre 1 miliardo di sterline e impiega più di 27.000 persone, con specialisti in ogni area, dagli appassionati di semi che possono allevare erbe che crescono all’ombra e dove si producono i migliori sistemi di affilatura al mondo per le lame del tosaerba, ALLETT e DENNIS.

L’erba di Wimbledon

Le palline da tennis tendono a rimbalzare più orizzontalmente sull’erba che su una superficie più dura. Mentre la palla colpisce i fili d’erba, si piega e non fornisce un rimbalzo verso l’alto. Ciò si traduce in colpi più veloci e più bassi che spesso producono rally più brevi e punti più veloci. Per questo motivo, i giocatori corrono meno, ma lo sentiranno nelle loro racchette e braccia quando saranno costretti a fare ritorni più veloci. Anche la pioggia e l’umidità elevata si attaccano all’erba, causando condizioni più scivolose. Mentre la vivida erba verde delle corti di Wimbledon ha un aspetto fantastico in televisione durante la prima settimana del torneo, l’usura delle scarpe dei giocatori alleggerisce le piante più piccole. Entro la seconda settimana, i modelli di traffico lungo le linee di base e le linee centrali iniziano a mostrare mentre l’erba lascia il posto alla terra sottostante. L’enorme compito di prendersi cura dei prati di Wimbledon apparteneva all’head groundsman Eddie Seaward e al suo equipaggio di 30 persone. Oggi invece abbiamo il capo groundsman Neil Stubley:governare i 19 campi di gara e 22 campi di pratica aggiuntivi presso il Club è uno sforzo per tutto l’anno

Ordinaria Manutenzione di un groundsman UK

Ogni pitch ha il suo budget per la manutenzione del campo, così ogni head groundsman deve fare i conti con il personale di terra suoi assistenti, dei macchinati e strumenti a disposizione per affrontare le diverse stagioni dal freddo al caldo, da un più o meno partite, da eventi pre-campionati, tutte situazioni che compromettono i terreni di gioco, se non programmati in precedenza dell’inizio dei giochi. Dopo non ci sarebbe il tempo utile per recuperare disfatte, se non con operazioni post-emergenza, assai più onerosi oltre a non dare risultati non soddisfacenti.

Translate »
Open chat
Serve aiuto?
Ciao 👋
Desideri parlare con il nostro tecnico?